«Comprare vino è un atto politico». Regista, scrittore e somellier, Jonathan Nossiter rientra a pieno titolo nella categoria dei professionisti del vino.

La citazione indica quanta importanza abbia la scelta del vino che si acquista – anche o forse soprattutto se si è professionisti del settore –, e quanta influenza essa abbia, sia sul mercato sia sul sistema agricolo.

Il mondo dei professionisti del vino include professionalità molto variegate. Vi rientrano importatori, distributori, osti, ristoratori, sommelier, enotecari, giornalisti e opinion makers, che rivestono un’importanza straordinaria nell’indirizzare le scelte del grande pubblico verso un vino che sia frutto di un metodo produttivo virtuoso e non un prodotto ottenuto da un’agricoltura massiva, che fa ampio ricorso alla chimica di sintesi e che stravolge i territori.

Tra i professionisti del vino includiamo tutti coloro che fungono, grazie al loro mestiere, da trait d’union tra il produttore e il consumatore. E che in diversi modi ne indirizzano le scelte.

Un certo tipo di vino può essere raccontato in modi diversi: con un catalogo dettagliato, che applica determinati criteri di selezione; con una lista dei vini che propone di accompagnare i cibi ponendo grande attenzione al tipo di agricoltura che sta alla base di entrambi; con articoli, libri o film che si propongano di offrire al pubblico una narrazione dettagliata, scevra da pregiudizi.

La Slow Wine Fair si rivolge a tutti i professionisti che condividono una certa idea del vino. Un vino buono, pulito e giusto come quello descritto nel Manifesto.

Alla Slow Wine Fair per…

Esplorare la parte espositiva della Fair, incontrare le cantine coinvolte, e organizzare appuntamenti per poterne approfondire la conoscenza. Trovare una selezione di vini realizzati nel rispetto dell’ambiente, con amore per il paesaggio e – anche – per il bene della comunità agricola di riferimento, e nel rispetto di collaboratori e dipendenti.

Partecipare alle Masterclass, per approfondire la conoscenza di millesimi, terroir e produttori.

I professionisti danno la possibilità a vignaioli e vignerons di continuare il cammino di cambiamento virtuoso della viticoltura e, più in generale, del mondo agricolo. E, comunicandolo ai consumatori, contribuiscono alla formazione di un’opinione pubblica informata e consapevole. Per questo li aspettiamo alla Slow Wine Fair.

Cover image Alessandro Vargiu