Mettiamo al centro la fertilità del suolo. Intervista con Adriano Zago

31 Gennaio 2024

«La crisi climatica sta portando all’attenzione il tema della fertilità del suolo. In altre parole, per reagire meglio a qualsiasi cambiamento climatico i suoli devono avere una fertilità molto sviluppata in termini di ciclo di sostanza organica». Adriano Zago

«Il biodinamico? È uno strumento utilissimo per lo sviluppo di un’azienda, sia dal punto di vista produttivo sia da quello umano. Dentro c’è tantissima tecnica, moltissima agronomia e una quota significativa di arte: la biodinamica è un percorso di studio e consapevolezza». Adriano Zago, una laurea in Agraria all’Università di Padova e una specializzazione in Viticoltura ed enologia a Montpellier, da una ventina d’anni lavora come consulente agronomico ed enologico ed è fondatore di Cambium Formazione.

Pianta, suolo, uomo

Il segreto è la difesa del suolo. Anzi, della fertilità del suolo. La Slow Wine Fair, la manifestazione internazionale dedicata al vino buono, pulito e giusto si svolge a BolognaFiere dal 25 al 27 febbraio 2024, ma i suoi contenuti sono ampiamente trattati nelle nostre conferenze online. Adriano Zago interviene nell’ultima di esse, il 7 febbraio, insieme a Viviana Ferrario, specializzata sul tema delle trasformazioni del paesaggio agrario nel corso del tempo, e a Francesco Bordini, agronomo e consulente enologico.

«Parleremo di tre ambiti: la pianta, il suolo e l’uomo. Cercheremo di spiegare che cosa sta succedendo, con la crisi climatica, nel suolo e nella pianta e di come l’uomo, inteso come organizzazione aziendale, sta reagendo».

La conferenza Aterrizar: radici contro la crisi climatica – 7 febbraio, h. 18:00

Proteggere il suolo è fondamentale per mitigare gli effetti della crisi climatica e per preservare la qualità della nostra atmosfera, e delle nostre vite. Che conseguenze hanno avuto frane e inondazioni in Emilia Romagna? Quali approcci ci possono aiutare nell’affrontare le conseguenze di questi eventi catastrofici? Cosa ci raccontano il suolo brulicante di vita e i suoi frenetici e instancabili abitanti? Cosa succede quando la vitalità del suolo lascia il posto al deserto? 

Adriano Zago: La crisi climatica mette al centro il tema della fertilità del suolo

Una cosa è certa, aggiunge Adriano Zago: «La crisi climatica sta portando all’attenzione il tema della fertilità del suolo. In altre parole, per reagire meglio a qualsiasi cambiamento climatico i suoli devono avere una fertilità molto sviluppata in termini di ciclo di sostanza organica».

Siccità e fenomeni atmosferici estremi sono più frequenti di un tempo e, per non perdere il raccolto, occorrono suoli con specifiche caratteristiche: «In caso di grandi siccità abbiamo bisogno di suoli che sappiamo trattenere l’acqua e che permettano alle radici di andare molto in profondità – continua Zago –, mentre in caso di eccessive piogge abbiamo bisogno di suoli che sappiamo drenare».

Le soluzioni esistono, sia per quanto riguarda la cura della fertilità del suolo stesso sia per quanto riguarda i sistemi di landscaping della vigna: «Ad esempio si possono organizzare filari più corti, per permettere agli eccessi di acqua di defluire più facilmente».

I veri obiettivi di sviluppo aziendale

Suolo, pianta e uomo: un’azienda vitivinicola deve investire su tutti e tre questi aspetti. Conclude Adriano Zago: «Secondo me, la crisi climatica ci dice che la fertilità, il buon funzionamento della pianta e l’organizzazione aziendale sono tre argomenti fondamentali. Non basta più fare un vino buono e preoccuparsi di portare a casa un’uva sana, obiettivi divenuti troppo deboli in un tempo storico molto diverso dal passato. Quando parlo di organizzazione aziendale, ad esempio, intendo dire che è opportuno essere in grado di prendere decisioni in tempi più brevi: per farlo, bisogna conoscere ancora meglio la propria azienda».

Ecco allora che serve investire sugli elementi che compongono i gruppi di lavoro, formandoli e promuovendone anche l’integrazione all’interno della realtà imprenditoriale stessa.

di Marco Gritti, info.eventi@slowfood.it

I convegni della Slow Wine Fair si svolgono in forma digitale nelle settimane antecedenti alla Slow Wine Fair e sono aperti a tutti. Per fruire dell’evento accedendo al servizio di interpretariato clicca sul tasto registrati. Riceverai un link con gli accessi alla sala virtuale. Il convegno, sarà anche trasmesso – senza interpretariato – sulla homepage del sito evento. Sarà possibile richiedere un certificato di partecipazione a slowinecoalition@slowfood.it. Essenziale per richiedere il certificato sarà partecipare alla chiamata zoom con indicato nome_cognome.

Skip to content